• segreteria.macchioni

Radio Radicale, Crimi agisce da Ponzio Pilato e rimettere la decisione nelle mani di Di Maio


Il sottosegretario Crimi lancia la palla nella metà campo del Mise con un grosso bagaglio di responsabilità. Dire che la convenzione di Radio radicale non sarà prorogata, ma nello stesso tempo sostenere che non dipende da lui è agire come fece Ponzio Pilato. Una vergogna visto che in ballo ci sono 100 posti di lavori e un bagaglio di esperienza, oltre che storico e giornalistico di tutta la storia della Repubblica, che andrebbe perduto o chiuso in un archivio a prendere polvere. Ora rimandare tutto nelle mani di Luigi Di Maio è praticamente mettere una pietra tombale sull'emittente, visto che il ministro non ha mai risposto agli appelli della radio.

0 visualizzazioni
Contatti
  • Twitter Icon sociale
  • Facebook Icona sociale